Articoli

La via spirituale

Che cosa intendiamo per “percorrere una via spirituale” oppure “essere una persona spirituale”?

Qualcuno si ritiene spirituale perché fa parte di qualche congrega spirituale, oppure perché pratica yoga o beve tisane allo zenzero e incensa casa ed ogni altro luogo con bastoncini profumati, o perché veste in abiti esotici e dorme a terra su un futon, parla di Feng Sui e cita brani della Bhagavad Gita?

E poi, se lo conosci più intimamente scopri che giudica gli altri, coloro che non stanno facendo il “suo” percorso spirituale, o che non venerano il “suo” Guru, oppure che si sono persino azzardati a fare domande sulla “sua” fede. Ti sembra che sia veramente una persona spirituale?

Magari “essere una persona spirituale” significa semplicemente ricordarsi di essere una scintilla divina, che accoglie amorevolmente l’Altro da Sé e vuole vivere in armonia, coerentemente con il proprio credo e che, per offendere l’Altro da Sé, può anche rinunciare a bere alcoolici o invece può anche mangiare carne.

Insomma riteniamo che sia molto più spirituale avere il coraggio di essere un essere umano piuttosto che atteggiarsi a Guru o discepolo del “vero” Guru.

Pensaci… Quanto sei coraggiosa?

Perdersi nel respiro

Capita molto frequentemente che respirando ci si “perda”, ovvero si comincia a viaggiare in luoghi della mente e della fantasia che possono risultare anche molto piacevoli, rilassanti.

Capita che nella ritmicità del respiro circolare si perda il contatto con la propria quotidianità e soprattutto con il proprio corpo e sentire.

Capita che ci sentiamo trasportati in luoghi magici e che incontriamo avi, divinità, entità che ci fanno sentire bene, ci esaltano e ci fanno credere che il respirare sia il modo per lasciare questo corpo e andare oltre in un altrove assoluto.

No, niente di tutto questo è il respiro cosciente e coerente; l’obiettivo invece appare proprio il contrario: sentire!!!

Ma sentire cosa? tutto ciò che siamo, tutto ciò da cui fuggiamo, tutto ciò che possiamo essere… e poi, solo dopo, possiamo ascendere… ma dove? in una condizione che è libera da tutte quelle paure che ci siamo sempre portati appresso e che ci impediscono di diventare ciò che in realtà siamo: Dio.

Eventi

Anime in cammino – edizione Umbria

Tutti noi nasciamo con un intento dell’Anima e con un progetto, per i quali essere qui in questo momento: a volte ciò non ci è chiaro, talaltra abbiamo come una intuizione, ma spesso ne siamo ignari, avendone solo una sensazione. Il nostro brancolare nell’incertezza, nell’Ombra, riverbera e si amplifica proprio nella relazione con gli altri, in cui quello che vediamo di chi ci sta di fronte non è altro che uno specchio di noi stessi.

“Anime in Cammino”, tratta proprio questo:

  1. come riconoscere il proprio progetto animico e individuare la risonanza con altre anime.
  2. il modo in cui ci relazioniamo con gli altri
  3. come creare sane relazioni di coppia: coniugali, amicali, lavorative

Il lavoro, intensamente esperienziale, svolto durante il corso, ha proprio la forma della sperimentazione diretta, del coinvolgimento partecipativo, del toccare con mano come si è e come ci si relaziona all’Altro da Sé in qualunque relazione a due.

Docenti: Dott. Alfonso Guizzardi e Dott.ssa Nicoletta Ferroni

Luogo:  “IL GIARDINO DELLE MERAVIGLIE” (www.giardinomeraviglie.it) Amelia, Terni.

Quando, dal Sabato 3 dicembre 2019 ore 10.00 alla domenica 4 dicembre 2019 ore 17.00.

Costo di partecipazione: 270 €

Il corso permette di ricevere 32 ECP SIAF riconosciuti con codice PVI-007/168/19

Creo quel che sento mentre lo dico – edizione Umbria

Ancor prima della parola c’è un’emozione ed un pensiero, ovvero un’immagine che suscita un’emozione. Ciò che si crea è il substrato emotivo da cui nasce l’intenzione; questa è la ragione per cui è fondamentale mantenere un profondo collegamento con noi stessi, con il nostro Sé più autentico.

Le parole, sono l’espressione dei nostri pensieri, delle nostre emozioni oltre ad avere delle qualità vibrazionali ed energetiche proprie che le fa funzionare come vere formule magiche.

Già Masaru Emotu ha studiato ed ampiamente documentato come cristalli di acqua modificano la propria struttura in ragione delle qualità vibrazionali a cui vengono esposti: meravigliosi cristalli per preghiere, musica classica, ringraziamenti e parole amorevoli; mentre si ottengono obrobri per minacce, parole aggressive e musica violenta.

La parola, oltre alla sintassi e alla semiotica, ha un valore ed un potere creativo e trasformativo che porta con sé una reale informazione. Essere consapevoli di ciò deve far parte del processo formativo di ogni operatore, terapeuta o professione d’aiuto, oltre che genitore, insegnante e quell’altro.

Pertanto questo modulo della formazione in BreathBalance® è aperto a chiunque sia interessato a:

  1. scoprire il potere della parola, della sua vibrazione e della sua capacità trasformativa;
  2. distinguere quali emozioni rendono straordinario il potere creativo delle parole;
  3. apprendere il come usare il potere delle parole e delle frasi che pronunciamo per ottenere esattamente ciò che vogliamo;
  4. imparare a potenziare il potere delle parole attraverso il RESPIRO COSCIENTE E COERENTE.

Costo: 270 euro .

Il corso è condotto da Alfonso Guizzardi (www.alfonsoguizzardi.net) e Nicoletta Ferroni (www.nicolettaferroni.it).

Iscrizione di 90 euro entro 7 giorni dal corso. Il saldo al primo giorno del corso.

Dove: presso il Giardino delle meraviglie di Amelia (www.giardinomeraviglie.it)

La partecipazione al corso permette di ricevere un totale di 8 ECP (codice PVI-007/73/19)

Per informazioni ed iscrizioni, chiamare 335.6643797